La nostra storia...

Storia istituzionale dell’Archivio di Stato di Alessandria

L’Archivio di Stato di Alessandria è un istituto di conservazione del patrimonio archivistico, organo periferico del Ministero per i Beni e le Attività Culturali ed il Turismo – Direzione Generale per gli Archivi.

Venne istituito come Sezione di Archivio di Stato con D.M. del 5 dicembre 1940, in esecuzione della L. 2006 del 22 dicembre 1939 e divenne Archivio di Stato a seguito del DPR 1409 del 30 settembre 1963.

La prima sede fu lo storico palazzo Trotti – Bentivoglio (XV-XVII sec.), poi bombardato il 30 aprile 1944 fortunatamente le bombe risparmiarono l’ala sinistra, nella quale erano ospitati alcuni dei fondi archivistici, mentre la maggior parte erano già stati prudentemente trasferiti in luoghi più sicuri fuori città.

Dal 1973 l'Archivio di Stato ha sede in un ex edificio industriale costruito verso i primi del XX secolo, originariamente fabbrica di pasta, poi di profilati d'alluminio, quindi di mobili, poi dismesso e concesso dalla Proprietà in locazione al Ministero.

L’Archivio di Stato di Alessandria conserva, a titolo di missione istituzionale, la documentazione prodotta dalle Amministrazioni periferiche preunitarie e dagli Uffici statali postunitari del territorio della provincia di Alessandria e gli archivi dei Notai (gli atti prodotti anteriormente agli ultimi cento anni).

A titolo di acquisto, donazione, deposito o comodato conserva, tuttavia anche documentazione prodotta da Soggetti non statali (Enti pubblici territoriali; privati; imprenditori).

Del patrimonio conservato garantisce -tramite l'adozione di buone pratiche- la tutela, la valorizzazione e la fruizione pubblica e gratuita.

Svolge, partecipando alle Commissioni previste dalla legislazione archivistica vigente (Dlgs n° 42 del 22 gennaio 2004 Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio), attività di sorveglianza sulla conservazione degli archivi prodotti dagli uffici statali della provincia di Alessandria (ed anche collaborando con la Soprintendenza Archivistica per il Piemonte e la valle d'Aostra per quanto riguarda gli archivi non statali), e l'attività di selezione della documentazione ai fini del versamento presso i propri depositi.

Maggiori informazioni nella sezione Patrimonio documentario.

Alessandria: Alluvione del 6 Novembre 1994

Alluvione  In seguito alla disastrosa alluvione del 6 Novembre 1994, tra le attività dell'Archivio di Stato di Alessandria divennero preminenti il salvataggio e il recupero di documenti, provenienti dagli archivi sommersi dal fango di diversi enti pubblici.

alluv1A sinistra, in camice blu, la dott.ssa Gilda Pastore, archivista del nostro Istituto, intenta al lavaggio di abbozzi catastali (già conservati presso l'Ufficio Tecnico Erariale di Alessandria) con la collaborazione di uno dei tanti volontari: l'arch. Giuseppina Trischitta.

 alluvione2004_panizzaTratta da un giornale dell'epoca: una foto in cui si vede impegnato nel recupero del patrimonio archivistico dal Direttore Dott. Giovanni Maria Panizza